Paolo Smali nasce a Belluno, nel 1969. Inizia giovanissimo a dipingere. Nel 1983 la sua prima esposizione pubblica con un’opera dedicata alla “Natura in posa” e contemporaneamente pratica lo studio del paesaggio dal vero. Nel 1988 si iscrive al corso di pittura all’Accademia di belle arti in Venezia, dove inizierà ad incidere nel 1990. Nel 1989 l’incontro e la frequentazione del suo Maestro Luigi Tito (1907-1991) gli permetterà di approfondire la conoscenza del disegno e della pittura. Studia l’arte che ama nei musei veneziani. Copista al museo del Louvre e alle Gallerie dell’Accademia di Venezia. Vince nel 1993 una borsa di studio della Fondazione Bevilacqua la Masa che gli concederà per alcuni anni, uno studio in Palazzo Carminati e l’organizzazione di esposizioni annuali nella prestigiosa sede in Piazza San Marco della stessa città lagunare. Le prime collaborazioni con gallerie private e l’incontro con numerosi collezionisti, realizzando numerose esposizioni personali e collettive in Italia, Francia, Inghilterra, Austria, America, Polonia, Australia, Svizzera.

Monotipista, Incisore. Paesaggista e Ritrattista, amante della Figura Umana e della Natura in posa, si confronta con il soggetto Sacro. Una parte della sua ricerca è dedicata ad opere di fantasia dette Visioni. Con la compagna e artista Nora Ferruzzi condivide viaggi e progetti artistici, di scrittura e pittura. Vive e lavora a Venezia, nell’Isola della Giudecca.


In Studio

In Natura

In Posa

In Figura

In Ritratto

In Visione

In Sacro

In Contemporaneo

In Inciso


Pietra immersa nel fiume